CEDIMENTO TERRENO

Molto spesso l’origine principale di un cedimento del terreno è dovuta alla natura del terreno.

La presenza di terreni eterogenei o sottoposti all’azione degli agenti atmosferici possono determinare delle compressioni che hanno un impatto diretto sulle fondazioni o sulla struttura degli edifici.
 

CAUSE

Molto spesso l’origine principale dei dissesti è dovuta alla natura del terreno sotto fondazione. Infatti la presenza di terreni eterogenei o sottoposti all’azione degli agenti atmosferici (siccità, infiltrazioni d’acqua o dilavamenti) possono determinare delle compressioni o un cedimento del terreno che hanno un impatto diretto sulle fondazioni o sula struttura portante degli edifici.

Quando gli edifici o le abitazioni presentano dei problemi importanti, quali un cedimento del terreno o la presenza di crepe, non sempre la causa primaria è dovuta a degli errori nella realizzazione della struttura muraria o delle fondazioni.

Le cause del cedimento del terreno possono essere raggruppate in due grandi famiglie:

  • Cedimenti dovuti alle azioni di strutture sul terreno (come ad esempio i carichi statici dei fabbricati);
  • cedimenti dovuti alla variazione delle condizioni iniziali, siano esse legate a cause naturali e/o artificiali, che alterano le caratteristiche del terreno fino a diminuirne la capacità portante o provocare una variazione volumetrica.


Nel primo caso il terreno si deforma sotto la spinta della forza peso di un elemento sovrastante, mentre nel secondo caso il terreno si deforma in conseguenza a delle variazioni di condizioni come ad esempio il cambio del contenuto di acqua (perdite, concentrazioni), a scavi praticati nelle vicinanze, alla costruzione di nuove strutture in adiacenza, a vibrazioni, a variazioni del livello di falda, al ritiro volumetrico per essiccazione.

Il ritiro volumetrico del terreno per essiccazione è una causa di deformazione del terreno molto ricorrente, ed avviene prevalentemente su alcuni tipi di terreno, detti terreni coesivi (come le argille). Questo fenomeno, da non confondere con quello della subsidenza o della perdita di capacità portante, avviene generalmente in relazione ad un riscaldamento climatico abnorme e prolungato, o al mancato apporto di acqua dal basso, o da un prosciugamento indotto da scannafossi e talvolta dalla presenza di alberi che sottraggono acqua al terreno attraverso il loro apparato radicale.


Questo tipo di problemi possono essere aggravati dal fatto che gli edifici o le abitazioni sono collocate su dei pendii, per cui l’impatto degli agenti esterni sul terreno può essere più forte o importante. Il ripetersi, durante una stessa stagione o in più anni, dei movimenti di ritiro-rigonfiamento del terreno incide sicuramente in maniera negativa sugli edifici, sottoponendo le fondazioni a continue sollecitazioni e causando dei danni sui muri portanti delle abitazioni.

Per il consolidamento del pavimenti in caso di sollevamento pavimenti visita la nostra pagina Soluzioni.

 

Chiama il numero verde 800 44 45 46